Spagna nucleare: un incidente dopo l’altro

8 luglio 2008

pubblicato su Altrenotizie

Brutto momento per il nucleare iberico: quattro degli otto reattori nucleari spagnoli hanno registrato disfunzioni in meno di 72 ore, come scrive il quotidiano El Paìs. Per motivi differenti, e con conseguenze sulle quali nessuno si pronuncia in modo corretto, gli incidenti si sono prodotti tra sabato e martedì scorsi. Critiche le organizzazioni ambientaliste, secondo le quali è colpa della pessima cultura della sicurezza con la quale Iberdola e Endesa, proprietarie delle quattro centrali colpite, gestiscono gli impianti. A questo si aggiunga che il parco nucleare spagnolo è molto vecchio, come mette in guardia Greenpeace, in un comunicato. Il “Consejo de Seguridad Nuclear” (Csn), organismo che controlla la sicurezza atomica, attribuisce gli incidenti ad una “sfortunata casualità“. I proprietari delle centrali hanno sminuito l’accaduto, sottolineando che la sicurezza delle installazioni non è stata colpita. Tre degli incidenti registrati sono avvenuti in tre reattori situati a Tarragona, nel nord-est della Spagna, gestiti dalla Associazione Nucleare Asco-Vandellos (Anav), i cui proprietari sono Iberdola e Endesa. Ancora una volta, si fa la corsa a dichiarare che non ci sono stati pericoli per le persone e per l’ambiente, ancora una volta è partita, come avviene ovunque nel mondo, la corsa alla minimizzazione.
Continue reading Spagna nucleare: un incidente dopo l’altro

Krsko, Slovenia: torna l’incubo nucleare

5 giugno 2008

Pubblicato su Altrenotizie e Pressante

Alle 17.38 di ieri, 4 giugno 2008, un segnale d’allarme gela l’Europa: si tratta di una segnalazione di un incidente alla centrale nucleare di Krsko, nel sud-ovest della Slovenia, a 130 Km da Trieste. L’incidente è stato segnalato a Bruxelles attraverso il sistema di allarme nucleare rapido Ecurie, con il quale l’Ue ha successivamente informato tutti gli stati membri, alle 18.27, quando la potenza del reattore era stata ridotta al 22%. Secondo quanto riferito, si è verificata una perdita di liquido dal sistema di raffreddamento principale della centrale nucleare.

Continue reading Krsko, Slovenia: torna l’incubo nucleare

India-Pakistan: ancora test missilistici

13 maggio 2008

Pubblicato su Altrenotizie

Il 7 maggio scorso, l’India ha testato con successo un missile terra-terra a capacità nucleare. E’ l’Agni III, che può colpire obiettivi fino a 3.500km. Il missile è stato lanciato da una piattaforma mobile al largo dell’isola di Wheller, non lontana dalle coste dell’Orissa, nell’India orientale. L’Agni è un missile con un computer a bordo per la guida remota. Il missile, che può trasportare una testata nucleare di una tonnellata e mezza, è equipaggiato con attrezzature radar, dispositivi telemetrici e sistemi di collegamento con le navi militari a cui può inviare informazioni e dalle quali può essere guidato a distanza. E’ l’ultima generazione dei missili Agni, testati negli anni scorsi e con capacità minori. Secondo fonti governative indiane, il lancio è stato un successo e apre diverse e migliori prospettive per il futuro della missilistica indiana e della corsa all’armamento.
Continue reading India-Pakistan: ancora test missilistici

USA-Russia: accordo nucleare

9 maggio 2008.

Pubblicato su Altrenotizie

E’ stato firmato a Mosca, giusto all’ultimo giorno della presidenza di Putin, un patto di cooperazione tra Russia e Usa sul nucleare civile. L’accordo, lo riferisce l’agenzia Itar-Tass, è stato firmato dal capo della società nucleare russa Sergei Kirienko e dall’ambasciatore Usa a Mosca William Burns, prevede un’ampia cooperazione fra i due Paesi per l’uso dell’energia atomica a scopi industriali, in aree come la vendita e lo stoccaggio dell’uranio, nonchè un lavoro comune su programmi avanzati per i reattori. Una volta ex nemici, Washington e Mosca siglano così un accordo storico di cooperazione in un settore delicato come quello dell’energia nucleare. Nel giorno in cui lascia il Cremlino a Dmitry Medvedev, Vladimir Putin incassa un risultato importante in termini di fiducia da parte dell’Occidente. L’accordo permetterà alle parti di formare joint venture nel settore e di trasferirsi l’un l’altra tecnologie e materiali nucleari, aprendo la strada a quelle che Kiriyenko ha definito “grandi opportunità economiche” per entrambi.
Continue reading USA-Russia: accordo nucleare

Il futuro nucleare di Tremonti

17 aprile 2008

Pubblicato su Altrenotizie e Carta

Le elezioni sono passate, il governo ancora deve nascere, ma già da qualche giorno Giulio Tremonti si sta lasciando andare a fantasie nucleari abbastanza pericolose, in quanto coinvolgerebbero altri Paesi nel modo peggiore possibile: scaricando sulle loro popolazioni i costi ambientali e sanitari, oltre ai rischi nucleari, della produzione elettrica destinata all’Italia. Nei giorni scorsi, la società energetica milanese Edison ha presentato uno studio di previsione sul fabbisogno di energia elettrica che tiene conto del rapporto tra “consumi attesi” e “produzione disponibile”: secondo le previsioni, nel 2030 l’Italia avrà necessità di un fabbisogno di 545 Twh di elettricità. Pertanto, la produzione attuale non basta. Da un lato Enel punta molto – anche se non tutto – sul carbone, in quanto via più rapida e meno costosa; dall’altro – ma è una via che ha un difetto – c’è da rispettare il vincolo posto dalla UE all’Italia, che prevede di ridurre del 20 per cento le emissioni rispetto al 1990: pertanto le centrali elettriche italiane non potranno produrre più di 88 milioni di tonnellate di anidride carbonica. Edison, che al 50% è di proprietà della francese EDF, conclude il proprio studio dichiarando di vedere il nucleare come la soluzione all’approvvigionamento energetico.
Continue reading Il futuro nucleare di Tremonti