L’estate del metano

27 agosto 2006.

Pubblicato su Altrenotizie

In piena estate, la Russia effettua un altro passaggio fondamentale per la politica energetica del proprio futuro. Dopo pochi giorni dall’annuncio dell’avvenuto accordo con la Sonatrach, azienda statale algerina e principale fornitrice di metano di tutti i Paesi del sud Europa, il Cremlino fa sapere che Gazprom provvederà alla fornitura di 24,5 miliardi di metri cubi di gas naturale all’Ucraina, al ritmo di 130 milioni di metri cubi al giorno. Si tratta in pratica di una “tregua” nella guerra del gas iniziata tra Mosca e Kiev lo scorso inverno. Vista l’alta dipendenza di numerosi Paesi europei dalla fonti di metano russe, tale accordo era necessario sia per diversificare le vie di approvvigionamento dell’Europa, usando anche i gasdotti in transito per l’Ucraina, che per rilanciare una politica energetica più responsabile verso i propri clienti, ma anche più aggressiva. Alcuni analisti si sono affrettati a definire l’accordo Gazprom-Sonatrach come una nuova “Opec” del gas. Continue reading L’estate del metano

La campagna d’Italia

22 giugno 2006.

Pubblicato su Altrenotizie

Si può parlare quanto si vuole, in questi giorni, di tagli sulle spese, di recupero del PIL, di azioni che il governo deve intraprendere. Per certi versi però sorprende che a livello istituzionale ci sia un’attenzione per certi versi scarsa, o quanto meno al di sotto di quanto dovrebbe essere, nei confronti del bene più prezioso, quello in grado di muovere merci, economie, titoli in borsa, fabbriche, ed anche eserciti: l’energia.
Quello del piano energetico nazionale era ed è uno dei banchi di prova fondamentali al quale si attende il governo in carica, soprattutto dopo la crisi artificiale di questo inverno che ha riguardato il gas, crisi che ha permesso alla russa Gazprom di diventare il terzo gruppo industriale del mondo, scavalcando addirittura Microsoft e che ha reso l’Italia terra di conquista per le speculazioni energetiche mondiali, proprio perché il nostro Paese gioca la partita a scacchi dell’energia senza un piano strategico. Continue reading La campagna d’Italia

Energia tedesca

4 aprile 2006

Pubblicato su Altrenotizie

E’ iniziato a Berlino il vertice nazionale sull’energia, convocato dal cancelliere Angela Merkel. Questo vertice è solo il primo di una serie di incontri programmati per tutto il 2006, pertanto è solo il punto di partenza per una Germania che intende seriamente dotarsi di una strategia di politica energetica a lungo termine.
Tra i vari punti all’ordine del giorno ci sono proprio quegli argomenti che invece qui in Italia vengono sistematicamente evitati: mentre da noi il dibattito in materia di energia si è oramai ridotto ad una sfida a distanza tra chi vorrebbe reintrodurre l’uso del nucleare e chi ne è contrario, in Germania si preferisce affrontare prima temi più delicati, come quello dei mezzi per limitare l’aumento dei prezzi o il come migliorare la sicurezza dei rifornimenti, la cui debolezza è stata evidenziata questo inverno dalla strategia commerciale aggressiva della russa Gazprom. Continue reading Energia tedesca

Energia da vendere

28 marzo 2006
Pubblicato su Altrenotizie

Un fine settimana intenso, quello del presidente di Gazprom Alexey Miller, che ha incontrato a Milano, in separata sede, i vertici di Enel, Edison, e Eni, in pratica tutte le aziende che coprono il mercato dell’Energia in Italia.
Avevamo già annunciato, qui su Altrenotizie, dell’incontro tra Eni e Gazprom fissato per il 24 marzo, per la firma di un accordo di collaborazione riguardante l’intera catena di produzione del metano: dall’estrazione alla vendita. Non c’è solo il metano, evidentemente, nel programma del colosso statale russo dell’energia.
Durante l’incontro con Fulvio Conti, amministratore delegato dell’Enel, si è discusso, stando ad un comunicato dell’ufficio stampa della stessa azienda, delle prospettive di collaborazione su una serie di iniziative di sviluppo nel settore sia del gas sia dell’energia elettrica, in Italia, in Russia ed in Paesi terzi. “Le parti – conclude il comunicato – hanno concordato di proseguire le consultazioni in un prossimo futuro”. Continue reading Energia da vendere

Manovre energetiche

16 marzo 2006.

Pubblicato su Altrenotizie

Nonostante la primavera sia sempre più vicina, ancora oggi, come nei giorni scorsi, un lancio dell’agenzia Adnkronos informa di un nuovo calo nelle forniture di gas dalla Russia: secondo le previsioni dell’Eni oggi verranno a mancare 2 milioni di metri cubi sui 74 previsti, pari a -2,7% del totale, lo 0,6% dei consumi nazionali. Nella giornata di ieri sono mancati all’appello 4 milioni di metri cubi, il 5,4% del totale con un impatto sui consumi italiani dell’1,4%.
La riduzione del gas, che nelle prossime settimane, vedrà il ritorno al regime normale, è stata compensata tramite gli stoccaggi, precisa ancora l’Eni.
Tempo fa, qui su Altrenotizie abbiamo raccontato di come l’Italia non possegga grandi giacimenti di metano; al contrario, importa da Gazprom il 35% dei 68 miliardi di metri cubi importati ogni anno, un altro 35% lo importa dalla Sonatrach (Algeria), il resto da piccoli esportatori, tutti con quote bassissime, spesso al di sotto dell’1%, e pertanto trascurabili rispetto ai due principali fornitori, autentici colossi del mercato.
Quindi la dipendenza italiana dall’estero si ripartisce più o meno in egual misura tra Russia e Algeria. Tra Gazprom e Sonatrach. Continue reading Manovre energetiche