Pacchetto sicurezza: c’è dentro il bavaglio per il web

15 febbraio 2009

Pubblicato su Altrenotizie

Nel disegno di legge 733, il cosiddetto “pacchetto sicurezza”, c’è un punto importante che riguarda il futuro della rete in Italia. Sotto forma di un emendamento, inserito dal senatore Gianpiero D’Alia (UDC), s’introduce nel DDL l’articolo 50-bis, “Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet”. Il primo comma dell’articolo voluto da D’Alia, nella sua versione originale, recitava: “Quando si procede per delitti di istigazione a delinquere o a disobbedire alle leggi, ovvero per delitti di apologia di reato, previsti dal codice penale o da altre disposizioni penali, e sussistono concreti elementi che consentano di ritenere che alcuno compia detta attività di apologia o di istigazione in via telematica sulla rete internet, il Ministro dell’interno, in seguito a comunicazione dell’autorità giudiziaria, può disporre con proprio decreto l’interruzione della attività indicata, ordinando ai fornitori di connettività alla rete internet di utilizzare gli appositi strumenti di filtraggio necessari a tal fine.” Cerchiamo di capire che vuol dire tutto ciò.
Continue reading Pacchetto sicurezza: c’è dentro il bavaglio per il web

Nucleare italiano, tra miopia e fantascienza

10 febbraio 2009

Pubblicato su Altrenotizie e Carta

Berlusconi ritorna a parlare di nucleare in Italia, affermando che bisogna iniziare a lavorare per il futuro in maniera seria. Per Berlusconi, infatti, “il nucleare è il futuro, il combustibile fossile è qualcosa che va a finire”. Il sottinteso politico è chiaro: accelerare verso il finanziamento di centrali nucleari, ignorare volutamente le rinnovabili. Il premier l’ha dichiarato a proposito di alcune affermazioni sulla questione Gazprom e il gas russo: dopo la recente crisi con l’Ucraina, secondo Berlusconi l’Italia deve “andare avanti nella direzione della differenziazione delle fonti” e deve “iniziare per il futuro con il nucleare in maniera seria”. I reattori nucleari proposti per il piano italiano sono quelli di tipo EPR, come quelli in costruzione in Finlandia, a Olikuloto. In questi giorni, le multinazionali dell’energia E.On e Rwe hanno dichiarato l’interesse a ricostruire 4 impianti per il governo inglese, come spiega Giuseppe Onufrio di Greenpeace in una recente intervista, ma sembra che i reattori non saranno EPR.
Continue reading Nucleare italiano, tra miopia e fantascienza

L’Italia che inquina e nasconde la mano

22 ottobre 2008

Pubblicato su Altrenotizie

Nel 2004, il professor Tullio Regge, del Politecnico di Torino, ebbe l’onestà intellettuale di scrivere tra le righe di un editoriale della rivista Le Scienze un quesito tanto interessante quanto attuale: chi è peggio tra gli Stati Uniti – che hanno rifiutato di ratificare il Protocollo di Kyoto – e l’Italia, che l’ha ratificato consapevole di non essere in grado di rispettarlo? Già, perché il nodo venuto al pettine in questi giorni di polemica con l’Unione Europea si riduce proprio a questo. Così, il resto dell’Unione vara un pacchetto climatico per la riduzione delle emissioni inquinanti, questo viene contestato dall’Italia; non per un’eventuale difetto nella difesa del clima, ma per i costi eccessivi richiesti alle industrie. Costi che naturalmente le industrie non intendono affrontare.
Continue reading L’Italia che inquina e nasconde la mano

Anomalia Italia: il nucleare come rinnovabile

6 ottobre 2008

Pubblicato su Altrenotizie

Il Governo italiano, nel mettere a punto le sue linee per lo sviluppo economico, riesce a proporre un emendamento che, per molti versi, ricorda quello dei CIP6, con il quale furono ammessi i rifiuti bruciati tra le energie rinnovabili. Analogamente a quell’occasione, rivelatasi una vera e propria truffa ai danni dei cittadini, oggi il Governo fa entrare il nucleare nel piano di sviluppo delle energie rinnovabili. Lo si legge in un emendamento all’articolo 15 del disegno di legge AC 1441 “Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria”. Naturalmente, all’interno del Parlamento, non se n’era accorto nessuno, né dalla maggioranza né dall’opposizione. D’altronde, se riguardiamo i temi portati avanti in campagna elettorale dai principali schieramenti, ci accorgiamo che quel partito trasversale che va chiamato “Partito Nucleare” ha attualmente il 94% dei seggi sia alla Camera sia al Senato.
Continue reading Anomalia Italia: il nucleare come rinnovabile

Arriva la nuova confindustria

22 aprile 2008

Pubblicato su Altrenotizie

Settimana clou per Confindustria. E’ il momento in cui il sindacato più forte d’Italia, l’unico in grado di ottenere quel che vuole da tutti i governi, cambia i propri vertici. Luca Cordero di Montezemolo ha deciso di uscire di scena in un modo abbastanza duro, lanciando accuse a ripetizione verso i sindacati e verso quei settori della società che ancora non accettano di essere subalterni ad imprenditori e industriali, e che magari “osano” ancora rivendicare e negoziare circa i propri diritti. “E’ ormai chiaro che la trincea dei negoziati infiniti, del rifiuto di guardare con occhi obiettivi la realtà e soprattutto in che direzione va il mondo, serve solo e soltanto a difendere una casta di professionisti del veto”, ha detto il presidente uscente di Confindustria ad un convegno del suo centro studi.
Continue reading Arriva la nuova confindustria