I russi sbarcano in Sicilia e comprano Priolo

Le compagnie petrolifere Erg e Lukoil hanno raggiunto un accordo per un’importante partnership nella attività di raffinazione costiera, attraverso la creazione di una nuova compagnia, la Erg Med, che sarà controllata dal gruppo Erg. La nuova compagnia è stata creata appositamente per acquisire la Raffineria Isab di Priolo, in Sicilia, che ha una capacità complessiva di 320.000 barili al giorno, ma anche gli impianti termoelettrici siti presso gli stessi impianti isolani, per una capacità di 99 MW, oltre che un livello minimo operativo di stoccaggi di materiali grezzi e prodotti, per un ammontare pari a 800.000 tonnellate di stoccaggi tra greggi e materiali prodotti, di cui circa la metà non più necessari al mantenimento dell’operatività e quindi potenzialmente cedibili sul mercato. Così, con l’ingresso di Lukoil, la Russia riesce a comprare in pratica un pezzo di Sicilia, che è anche un pezzo importante: la raffineria di Priolo, che negli anni è stata sia il motore dell’economia del sud-est della Sicilia sia la principale industria avvelenatrice di quel territorio.

Continue reading I russi sbarcano in Sicilia e comprano Priolo

I petrolieri contro la Robin Hood Tax

19 giugno 2008

pubblicato su Altrenotizie

All’assemblea annuale dell’Unione Petrolifera non si poteva certo evitare di parlare e sparlare della cosiddetta “Robin Hood Tax”. Quel che è certo è che i petrolieri hanno ricevuto il sostegno non solo formale, ma anche politico, da parte del presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia: “Siamo contrari a ogni forma di aumento della tassazione in un Paese che ha le tasse più alte d’Europa”, ha detto Marcegaglia nel suo intervento in assemblea, “a maggior ragione lo siamo per un settore assolutamente strategico. Il modo migliore per trovare una soluzione è sedersi attorno a un tavolo”. L’Italia spenderà 13 miliardi in più per importare greggio, dichiarato il presidente dell’Unione Pasquale De Vita nel corso dello stesso incontro: “Se le tendenze di prezzo e di cambio dovessero confermarsi”, nel 2008 la bolletta petrolifera “potrebbe oscillare tra i 34 e i 44 miliardi di euro, oltre 13 miliardi in più rispetto al 2007. La fattura energetica potrebbe di conseguenza attestarsi intorno ai 65 miliardi, 18 miliardi in più rispetto al 2007)”.
Continue reading I petrolieri contro la Robin Hood Tax

Il governo energetico del Cavaliere

23 maggio 2008

pubblicato su Altrenotizie

Tra il discorso di Berlusconi alla Camera, e le dichiarazioni dei ministri Tremoni e Scajola, emergono le idee e le intenzioni del nuovo governo in campo energetico. Prima di tutto non c’è la scelta dello sviluppo sostenibile. Sulle politiche energetiche ed ambientali non solo si è manifestata un’assoluta inadeguatezza ma si sono ascoltati indirizzi culturali ed economici sbagliati e dannosi. Non si è preso un impegno serio (obiettivi e proposte) per la riduzione della CO2 e non si sono riproposti gli obiettivi europei (meno 20% di CO2, più 20% di energia da fonti rinnovabili, più 20% di risparmio). Del resto, solo due anni fa, l’altro governo Berlusconi si era distinto per le sue inadempienze nel rispetto del trattato di Kyoto. In pratica, il programma di governo è alquanto indefinito e con indirizzi non all’altezza della situazione dell’Italia. In particolare, il nucleare di Berlusconi è una strada sbagliata, per la ricerca scientifica, le imprese, l’occupazione, le famiglie e l’ambiente.
Continue reading Il governo energetico del Cavaliere

Italia-Russia: verso la fusione?

5 aprile 2008

Pubblicato su Altrenotizie

L’Amministratore Delegato di Enel Fulvio Conti ha incontrato a Mosca, nella sede di Gazprom, il presidente del gruppo russo Alexey Miller. Poi, ha incontrato anche il presidente uscente Vladimir Putin. Nell’incontro, si legge in una nota di Enel, “i due manager hanno affrontato il tema della cooperazione nei settori del gas ed del petrolio con particolare riguardo all’ulteriore sviluppo di progetti comuni nel campo dell’elettricità e del gas, in Italia, in Russia e in Paesi terzi”. Immediatamente dopo Enel, nella stessa giornata, anche Eni ha fatto sapere in una nota di aver partecipato a Mosca presso la sede centrale di Gazprom ad un incontro di lavoro con Miller, per Eni era presente l’amministratore delegato, Paolo Scaroni. Nel corso dell’incontro, spiega la nota, le due società hanno discusso l’implementazione dell’accordo di alleanza strategica raggiunto nel novembre del 2006 e l’ulteriore sviluppo della collaborazione nel settore del petrolio e del gas. In particolare, anche in questo caso le due società hanno discusso della realizzazione di progetti congiunti nell’upstream di Paesi terzi.

Continue reading Italia-Russia: verso la fusione?

Il rinnovamento della distribuzione elettrica italiana

11 dicembre 2007

Pubblicato su Altrenotizie

Di quanto la rete elettrica italiana sia arretrata, se ne è scritto da tutti i punti di vista un po’ ovunque. Non perchè l’Italia sia magliata male. Infatti, dal punto di vista del numero e della densità delle linee elettriche l’Italia non ha molte pecche. Certo, i collegamenti trasversali lungo la penisola non sono dei migliori, ma questo è dovuta all’orografia del territorio, praticamente diviso in due dalla catena degli Appennini. Nonostante questo ostacolo naturale, la copertura elettrica italiana è ottima, dal punto di vista della magliatura geografica. Quel che fa acqua è l’obsolescenza delle linee, spesso antichissime e con perdite gravi di energia lungo il trasporto. Perdite molto gravi. In pratica una percentuale non trascurabile dell’energia elettrica prodotta viene dispersa lungo le linee elettriche, e non arriverà mai a nessuna destinazione. Da oltre 30 anni. Finalmente, Terna, la società che distribuisce l’energia elettrica in Italia, ha deciso di investire un miliardo di euro in un’operazione chiamata “10 Progetti per uno sviluppo sostenibile” che prevedono lavori in 11 regioni. Per farla breve, 1200 Km di tralicci obsoleti saranno sostituiti da 450 Km di cavi, molti dei quali interrati.
Continue reading Il rinnovamento della distribuzione elettrica italiana