Delta del Niger: assaltata e dirottata una nave

10 settembre 2008

pubblicato su Altrenotizie

Il 7 settembre scorso, sul fiume Sambriero, nell’area del Delta del Niger, un gruppo di uomini armati ha dirottato una nave, la “Fulmar Lamnaco”. Secondo quanto riferito dal portavoce dell’esercito nigeriano, il colonnello Musa Sagir, durante il dirottamento sarebbe morto un marinaio e un altro sarebbe stato rapito. Sagir ha anche dichiarato che la nave è di proprietà dell’Agip, del gruppo Eni, ma la multinazionale italiana ha smentito rapidamente: “La nave in questione non è di nostra proprietà ma di un’azienda contrattista australiana; al momento non ci sono nemmeno contratti in corso di esecuzione con l’Agip”, ha dichiarato la multinazionale italiana che opera in Nigeria. Lo stato nigeriano è il primo produttore di petrolio del continente africano, ma anche il settimo esportatore mondiale. La regione è una delle aree del mondo più ricche di idrocarburi, con riserve provate di petrolio pari a 36 miliardi di barili ed è il quinto fornitore di greggio degli Stati Uniti. Di conseguenza, è di vitale importanza per l’Eni, che ha stabilito nel Delta del Niger numerosi impianti di estrazione.
Continue reading Delta del Niger: assaltata e dirottata una nave

La pattumiera d’Africa

10 aprile 2008

Pubblicato su Altrenotizie

 

Il governo della Costa d’Avorio e la multinazionale Trafigura hanno firmato un protocollo d’intesa che prevede l’avvio dei lavori di disinquinamento dei siti localizzati nella capitale Abidjan. Si tratta di quei luoghi che nell’agosto del 2006 furono colpiti dallo sversamento di rifiuti tossici provenienti dalla nave Probo Koala. Il processo di bonifica dai depositi di rifiuti tossici, interamente provenienti da traffici illeciti di origine europea, è molto lento, tanto da spingere il governo della Costa d’Avorio ad intraprendere questa ulteriore azione con Trafigura. “La parte Trafigura dovrà procedere ad un disinquinamento complementare e ad un seguito ambientale. Queste operazione saranno velocizzate”, ha detto Désiré Tagro, ministro dell’ambiente ivoriano, “Tutte le parti, vale a dire Trasfigura e lo Stato della Costa d’Avorio, hanno stimato che è giunto il tempo di accelerare i termini e lasciare alle parti ivoriane la cura di questo disinquinamento complementare. Evidentemente i costi necessari a queste operazioni sono a carico della parte Trafigura”. Trafigura si è impegnata al pagamento di una somma di 5 miliardi di Franchi della Costa d’Avorio a titolo di avanzo di tesoreria per la costruzione di un impianto di trattamento dei rifiuti solidi urbani da realizzare ad Abidjan.
Continue reading La pattumiera d’Africa

Omicidio Alpi-Hrovatin: chiesta l’archiviazione

13 luglio 2007

Pubblicato su Altrenotizie

La procura di Roma ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta bis sulla tragica morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin in Somalia. Un inchiesta avviata dopo il primo procedimento, che si è concluso con la condanna a 26 anni di reclusione per il giovane somalo Hashi Omar Hassan. Il PM romano Franco Ionta specifica che la richiesta di archiviazione nasce “dall’impossibilità di identificare i responsabili degli omicidi”. Il duplice omicidio avvenne a Mogadiscio, in Somalia, il 20 marzo 1994. La Toyota su cui viaggiano i due inviati fu colpita dal fuoco sparato dalle armi di almeno sette miliziani. I due giornalisti erano in Somalia per seguire la missione “Restore Hope”, dove erano impegnati militari italiani. Fin da subito, per il duplice omicidio, fu ipotizzato un legame con i fatti e le attività scottanti di cui erano venuti a conoscenza Ilaria Alpi e Hrovatin, soprattutto in relazione a traffici illeciti di rifiuti nocivi e radioattivi, il cui pagamento per i somali non era in denaro ma in armi.

Continue reading Omicidio Alpi-Hrovatin: chiesta l’archiviazione

L’emergenza di Abidjan

13 settembre 2006.

Pubblicato su Altrenotizie

Il 19 agosto scorso, la nave Brobo Koala, battente bandiera panamense, è approdata nel porto di Abidjan, capitale della Costa d’Avorio, e da quel momento la città non ha più avuto pace.
Per circa 30 ore, 19 camion hanno fatto una continua spola tra la nave e le discariche del centro urbano, versando una quantità imprecisata, ma secondo alcune stime compresa tra le 400 e le mille tonnellate di liquami, su un’area di circa dieci chilometri quadrati caratterizzati da una alta densità di popolazione. I rifiuti liquidi sono stati scaricati nelle discariche, ma spesso per far prima anche nei fossi, ai bordi delle strade.
Alcuni giorni dopo, si sono presentate presso gli ospedali cittadini prima centinaia, poi migliaia di persone. Ai primi di settembre si sono registrati tre decessi, tra i quali due bambine.
E’ scattato l’allarme, per un’emergenza che il debole sistema sanitario della Costa d’Avorio non è in grado di reggere: al momento dei primi tre decessi, le persone ricoverate ed intossicate erano già 3000. Continue reading L’emergenza di Abidjan